Per #LaRinascita della Lega Calcio Interschool, riparte la nuova stagione 2018/19! - Contatta Ivan D'Amico per inviare la lista della tua squadra!

REGOLAMENTO LEGA CALCIO INTERSCHOOL 2019/20

 

PRINCIPI FONDAMENTALI: I NOSTRI VALORI

 

ART. 1. CONSIDERAZIONI PRELIMINARI DI PARTECIPAZIONE

 Qui di seguito i principali valori e principi di fondo che guidano l’intera organizzazione.

  • Uguaglianza di fronte alle regole.
  • Educazione
  • Rispetto per le regole, per il lavoro e per tutti i partecipanti.
  • Amicizia e lealtà sportiva.
  • Perseguimento di fini educativi di formazione culturale, integrazione e socializzazione;
  • Ove non dettagliatamente disciplinato, ci si rifà alle prassi e consuetudini consolidate appartenenti alla nostra storia, tradizione e modus operandi.

SEZ. 1: COMPOSIZIONE DELLE SQUADRE E CALCIOMERCATO 

 

ART. 2. ISCRIZIONI E COMPOSIZIONE DELLE SQUADRE.

 

Dopo aver superato la fase dell'accettazione della richiesta di iscrizione, per inserirsi nei campionati della Lega Calcio Interschool occorre:

  • quota di iscrizione (indicata nel bando)
  • fotocopia della carta d'identità fronte-retro
  • certificato medico attività sportiva non agonistica (va bene anche quello agonistico)
  • quota assicurativa (indicata nel bando)
  • compilazione modulo personale di tesseramento, iscrizione con accettazione di regolamento e consenso sulla privacy (contenuto nel bando) 

L'assicurazione di base è di tipo “A” con costi e condizioni stabiliti nel sito ASI e copre 1 anno esatto dall'emissione. Se si vogliono altri tipi di tessera occorre fare specifica richiesta.

Ciascuna squadra deve essere composta minimo da 7 giocatori (consigliati almeno 8). La lista può essere integrata durante tutto il campionato.

I tesseramenti dei giocatori avvengono entro ogni giovedi. Ciò significa che se la squadra porterà le documentazioni e le quote necessarie oltre tale giorno, i ragazzi in questione non potranno giocare.

 Importante: secondo le disposizioni di legge, nessun giocatore può essere schierato in campo senza essere tesserato e quindi assicurato.

 

ART. 3. GIOCATORI TESSERABILI NEI CAMPIONATI DELLA STAGIONE 2019/20

 

Non ci sono limiti stringenti di età. L’importante è integrarsi nel nostro contesto. Vengono favoriti studenti e ragazzi per bene.
L’Organizzazione può decidere
, nel pieno del ruolo e degli obiettivi dell'associazione, in modo assoluto, di negare l'iscrizione a specifici giocatori, qualora si ritenga opportuno.

 

ART. 4. SCADENZE INGAGGI NUOVI GIOCATORI NEI VARI CAMPIONATI

 Ogni giocatore nuovo inserito in lista, regolarmente tesserato, può essere integrato in qualsiasi momento, purchè consegni il necessario entro e non oltre il giovedi di ogni settimana.

Sono ammessi trasferimenti da squadra a squadra: il giocatore che è in lista, tesserato, all'interno di una squadra al momento dell'inizio del campionato, potrà cambiare squadra, comunicandolo all’organizzazione, purché non comprometta l’integrità del gruppo e la sua stessa continuazione. In quel caso l’organizzazione può impedire il trasferimento, per tutelare la continuazione del gruppo.

     

SEZ. 2: SVOLGIMENTO DELLE PARTITE

 

ART. 5. CALENDARIO E ORARI GARE.

 

Tutte le gare dei campionati della Stagione 2019/20 si giocheranno solo ed esclusivamente nelle date e negli orari esposti nei rispettivi calendari, pubblicati dettagliatamente con date e orari almeno 7 giorni prima l'inizio delle competizione in questione.

I calendari vengono stilati in modo da equi-distribuire le gare nei vari orari e garantire equità e pari opportunità. Non è possibile pertanto richiedere prevalenza o esclusione di fasce orarie per la compilazione del calendario.

Quanto scritto sarà rispettato in modo assolutamente rigido per garantire le pari opportunità di gioco a tutti i gruppi partecipanti.

 

ART. 6. PUNTUALITA’ DI ARRIVO ALLA STRUTTURA E INGRESSO IN CAMPO DURANTE LE PARTITE

 Al fine di procedere al regolare svolgimento delle gare (premettendo il fatto che il tempo eventualmente perso è soggetto solo ad esiguo recupero), si raccomanda di giungere al campo almeno 20 minuti prima dell'inizio della propria partita.

L'accesso al campo di gioco sarà consentito solo ed esclusivamente ai ragazzi delle due squadre preposti a giocare (non agli squalificati, non agli indisponibili e non ai non tesserati), agli arbitri, agli organizzatori e ai loro collaboratori e alle persone espressamente autorizzate. Tra campo e panchina possono andare massimo 10 giocatori per squadra.

Si definiscono persone preposte a giocare i “ragazzi tesserati appartenenti alle squadre di riferimento per la specifica gara, in tenuta sportiva (almeno tuta e scarpe sportive), senza squalifiche in corso e che non abbiano arti immobilizzati (quindi non ingessature...)”.

E' prevista la penalizzazione di -0,2 punti in classifica, in caso di “permanenza” durante le gare all'interno del campo di persone non preposte a giocare e non autorizzate.

ART. 7. AFFIDAMENTO CASACCHE

Durante le singole gare è possibile che vengano affidate gratuitamente alle singole squadre una o più casacche, a seconda delle esigenze, da riconsegnare puntualmente al termine delle stesse. In caso di smarrimento o mancata restituzione delle stesse affidate alle squadre per venire incontro alle esigenze di gara, grava sulla squadra affidataria l'onere di versamento della penale di euro 5 per ogni casacca non riconsegnata.

 

ART. 8. SPOSTAMENTO DELLE PARTITE

 Al fine di garantire il perfetto e regolare svolgimento delle gare dei singoli campionati (evitando così di attribuire vantaggi discrezionali a delle squadre, piuttosto che ad altre, come sistematicamente accade in altri tornei), non e' prevista alcuna possibilità di spostamento delle partite (in tal modo tutte le squadre vengono poste sulle stesse condizioni di partenza).

Solo in caso di viaggio di istruzione documentato di almeno 3 giocatori della squadra in questione (liceali, non universitari). Tale documentazione dovrà consistere nella fotocopia dei bollettini di pagamento di tale viaggio e da una dichiarazione firmata dal proprio docente coordinatore di classe o di viaggio o dal programma dello stesso (ps: spostamento concesso solo una volta per squadra durante una singola fase di campionato, apertura o clausura, per ovvi motivi logistici). La procedura di spostamento è automatica e deve avviarsi almeno 2 settimane prima della gara in questione e in ogni caso dal momento in cui si ha disponibilità della documentazione necessaria, entro termini gestibili dall'organizzazione. La gara viene spostata solo al momento della consegna dell'intera documentazione.

Non è possibile accordarsi con le squadre avversarie per spostamenti di partite, per data e per orario.

  

ART. 9. IMPRATICABILITA' DI CAMPO

 Il campo viene sottoposto a giudizio di praticabilità solo alla data e all'orario di inizio della stessa. Tale giudizio spetta congiuntamente all’organizzazione e ai responsabili della struttura sportiva, in presenza degli arbitri e dei capitani delle due squadre. La prassi è uguale a quella utilizzata nei campionati nazionali federali. Si ricorda che se al momento di tale giudizio, una delle due squadre non dovesse essere presente e il campo dovesse essere giudicato praticabile, la squadra assente perdera' 3-0 a tavolino e andrà incontro a quanto previsto all'articolo 10, che disciplina anche le conseguenze per la squadra vincente a tavolino. In caso di assenza da parte di entrambe le squadre, la partita verra' considerata "non disputata", le stesse verranno penalizzate entrambe di 1 punto in classifica e dovranno sostenere il pagamento della propria quota-gara.  

 

ART. 10. VITTORIA A TAVOLINO

 

Se la vittoria a tavolino nei campionati a 8-10-12 squadre viene conseguita da una squadra posizionata in quel momento (quindi fino alla giornata precedente) tra le prime 3 posizioni in classifica, effettuata contro una squadra posizionata tra le ultime 3 in classifica, alla squadra vincente vengono attribuiti 2,3 punti ("presunzione di superiorità"). In tutti gli altri casi di normale vittoria a tavolino, vengono attribuiti i tradizionali 2 punti.

La vittoria a tavolino viene decretata dopo 25 minuti dall'orario di inizio (previsto come da calendario) della partita. Il punteggio di 3-0 è solo figurativo.

La squadra che perde a tavolino verrà penalizzata di 1 punto in classifica e dovra' sostenere il pagamento della propria quota-gara. Parimenti, la squadra vincente a tavolino, dovrà sostenere ugualmente il pagamento della propria quota-gara (e avrà a disposizione tutti i consueti servizi per quella specifica ora). In caso di assenza da parte di entrambe le squadre, la partita verra' considerata "non disputata", le stesse verranno penalizzate entrambe di 1 punto in classifica e dovranno sostenere il pagamento della propria quota-gara. 

Superata la 5° gara consecutiva persa a tavolino, la squadra viene sciolta d'ufficio e se l'ultima gara sua giocata è avvenuta prima della metà delle gare del proprio campionato, i punti da lei realizzati vengono azzerati con tutte le conseguenze per le squadre contro cui aveva già giocato.

 

ART. 11. PROBLEMI DI FORMAZIONE NELLE SINGOLE GARE DI CAMPIONATO E DI COPPA

 

Nel caso in cui una squadra si ritrovi con meno di 5 giocatori o con altre problematiche di formazione, solo con l'accordo con l'altra squadra, può far giocare tra le proprie fila giocatori di altre squadre dei nostri campionati Interschool (e quindi ragazzi regolarmente tesserati e assicurati, fino al raggiungimento del numero di 5 giocatori o anche oltre, come da accordo tra le squadre), purché non abbiano squalifiche in corso nei propri campionati. Si ricorda che i ragazzi sottoposti all'articolo 11 non rientrano in conteggi riguardanti le presenze e i gol realizzati; mentre sono sottoposti (come qualsiasi altro giocatore) a qualsiasi provvedimento disciplinare attribuitogli dentro o fuori dal campo (onde evitare un'ingiustificata "immunità" degli studenti in questione).

Riguardo ai portieri, per garantire la possibilità a tutte le squadre di avere un portiere nelle singole gare, e vista la scarsità degli stessi e l’importanza del ruolo, tutti i portieri possono essere presi in articolo 11 anche senza il consenso della squadra avversaria. Si ricorda che la prassi dell'"accordo" non è utilizzabile per spostamenti di partite, nè per data e nè per orario.

  

ART. 12. REGOLAMENTO FEDERALE DI CALCIO A 5 E REGOLAMENTO INTERNO DI GIOCO

 Il nostro regolamento di gioco relativo alle regole che vengono adottate e applicate dai nostri arbitri durante le singole partite, si basa in linea di sostanziale al regolamento federale di calcio a 5, dal quale si discosta per alcune regole. Tale scelta è ritenuta doverosa al fine di conciliare due esigenze: quella di produrre un gioco disciplinato e ordinato; quella di garantire il divertimento di tutti i partecipanti. In particolare, laddove risulta esplicitamente  regolamentato, si applicano le "nostre" regole (che sono simili grossomodo a quelle federali); viceversa, gli arbitri faranno riferimento alle regole federali.

Di seguito elenchiamo sinteticamente le regole interne di gioco adottate nelle nostre competizioni, comprensive delle differenze rispetto alle regole federali di calcio a 5:

  1. Rimesse laterali:
    Palla deve stare ferma sulla linea (non anche 20 cm dietro la linea), entro 4 secondi, piedi fuori dal campo.
  2. Scivolate:
    Si possono fare se sono pulite sul pallone, a discrezione dell’arbitro che valuta la pericolosità dell’intevento.
  3. Retropassaggio al portiere:
    Come il calcio a 11. Il portiere può ricevere il pallone tutte le volte (non deve necessariamente toccare la palla l’avversario prima che gli possa ritornare), l’importante è che non la prenda con le mani se il passaggio è con i piedi. Come il calcio a 11 (eccezion fatta per i 4 secondi, che ci sono sempre).
  4. Se un ragazzo si toglie la maglia non c’è l’ammonizione automatica (a meno che non si tratti di un gesto offensivo).
  5. Si può passare la palla indietro nel calcio d’inizio.
  6. Si può segnare dal calcio d’inizio.
  7. Ci sono i falli cumulavi, al 6° fallo diretto scatta il Tiro libero,che si batte solo e soltanto a 10 metri, dal dischetto. (Non anche più avanti).
  8. Le sostituzioni sono libere e “volanti”, l’importante è che prima si esce e poi si entra.
  9. E’ consentito 1 Time out per tempo per squadra.
  10. In caso di Fasi Finali: La scelta dei Rigoristi, al termine della gara, è libera. Quindi può tirare o parare chi vuole (non solo quelli rimasti in campo al termine della gara, ma anche quelli in panchina).

 

SEZ. 3: CALCOLO PUNTI IN CLASSIFICA E SISTEMA PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

 

ART. 13. CALCOLO PUNTI IN CLASSIFICA

 

In tutti i campionati, i punti ottenuti in classifica sono frutto della somma algebrica di:

  • punti base: si tratta dei classici punti assegnati per vittoria (2 punti), pareggio (1 punto) e sconfitta (0 punti); 
  • punti bonus: si tratta di punti che integrano i punti base, che si aggiungono ai precedenti. Essi sono assegnati per ogni tripletta realizzata da ciascun giocatore in partita (la tripletta si considera singolarmente per ogni giocatore che la realizza: quindi si cumulano triplette realizzate da giocatori diversi nella stessa partita); vittoria con scarto di 5 gol o superiore (lo scarto si considera una sola volta: la vittoria con uno scarto di 10 gol non raddoppia il bonus); no gol subìti (basta terminare la gara senza subire gol); 
  • penalità: si tratta di punti negativi, cioè che diminuiscono il totale dei punti ottenuti, con la possibilità di portarlo anche sotto lo zero. Essi sono assegnati per ogni ammonizione beccata da un componente della squadra in partita; per ogni espulsione diretta (in caso di espulsione per doppia ammonizione, si conteggiano i due cartellini gialli ottenuti: il risultato è identico a quello ottenuto con l'espulsione diretta); per l'inizio di partita con almeno 15 minuti di ritardo causato da una delle due squadre; per la sconfitta a tavolino di una delle sue squadre; per l'ingresso in campo di persone non preposte a giocare (come indicato all'articolo 8).

In questa tabella si riepilogano i bonus e i malus, precisando che esiste un tetto massimo di punti realizzabili in una singola partita.

 

BONUS

Punti

MALUS

Punti

Tetto Max

Punti

Tripletta

0,1

Ammoniz

-0,2

Vittoria

2,5

Scarto 5 gol

0,2

Espulsioni

-0,4

Pareggio

1,2

No gol sub.

0,3

Ritardo 15m.

-0,5

Sconfitta

0,2

 

 

Sconf. A tav.

-1

 

 

 

Il conteggio dettagliato dei punti ottenuti da tutte le squadre nelle singole partite viene pubblicato nei tabellini delle singole partite.

In caso di parità di punti al termine del girone unico di ogni campionato, si procede (secondo il principio di andare dal “generale” al “particolare”, in modo da stringere sempre più il cerchio) come segue:

  • Scontri Diretti o Classifica Avulsa
  • Differenza Reti
  • Gol Fatti
  • Sorteggio

 ART. 14. AMMONIZIONI E SQUALIFICHE

 In tutte le gare dei singoli campionati è attivo un sistema di conteggio delle singole ammonizioni e squalifiche; tale conteggio è strutturato in modo da porre un "deterrente" al gioco scorretto o alle condotte non regolamentari tenute nei confronti dei vari protagonisti del torneo.

Per tutti i campionati:

  • l'espulsione rimediata in partita per doppia ammonizione, porta alla squalifica automatica di una giornata del giocatore, da scontare nel turno successivo previsto da calendario;
  • l'espulsione diretta, può invece portare a più di una giornata di squalifica: ciò dipende dagli "aggravanti" registrati dall'arbitro sul proprio referto, riguardo al giocatore in questione, o registrati dagli organizzatori per fatti avvenuti sempre all’interno della struttura sportiva;
  • 3 ammonizioni ottenute in 3 partite differenti (e non necessariamente consecutive), portano alla squalifica automatica di un turno, da scontarsi nel turno successivo all'ultima ammonizione rimediata; successivamente, al giocatore in questione, per punirne l'eventuale recidività a commettere atti di gioco scorretto o tenere condotte non regolamentari, basteranno solo 2 ammonizioni (sempre ottenute in partite differenti) per beccare la squalifica automatica nel turno successivo previsto da calendario (similmente a quanto avviene nel calcio italiano reale).

Inoltre come nostra consuetudine, il conteggio di ammonizioni e squalifiche durerà sino alla fine del singolo campionato, fasi finali comprese. Per le squalifiche ottenute da gravi condotte regolamentari, o illeciti sportivi, gli effetti si potranno scontare anche nei successivi campionati.

 

 

SEZ. 4: PREMIAZIONE

 

ART. 15. LA PREMIAZIONE

 I premi nei nostri campionati si suddividono in 2 tipologie: premi di squadra, premi personali. I premi di squadra (ove non espressamente previsto) consistono in: Vincente campionato, Squadre promosse e miglior difesa. I premi personali consistono in: capocannoniere, miglior giocatore, miglior portiere, miglior difensore, miglior fantasista, premio ringhio gattuso e miglior attaccante. All'occorrenza possono essere previsti altri premi.

La premiazione è a cura di Ivan D’Amico che può avvalersi, a sua discrezione, al giudizio di una “commissione” scelta dal gruppo Staff, e/o dai seguenti "indicatori di valutazione": presenze, disciplina, media voto, e incidenza nel risultato sportivo della squadra.

Possono essere considerati in corsa per specifici premi i ragazzi che superato la soglia di sbarramento pari al 50% delle gare relative ai propri campionati in cui hanno giocato.

 

BUON DIVERTIMENTO A TUTTI!

 

 

 

Letto 48 volte

Lascia un commento

<>