Dopo 12 anni, siamo ancora qui per farvi divertire in modo sano in un Ambiente selezionato, con certezza delle regole (Piero e Ivan)

AMICH. C/11  21 MAGGIO 2018 RIBOLLA

NAZIONALE A - NAZIONALE B  7-3

 

 

 

 

 

CLICCA QUI PER VEDERE E SCARICARE TUTTE LE FOTO

 

 

 

LE FORMAZIONI

 

La Nazionale A scende in campo con il 3-5-2 con: Barletta in porta, Gennaro, Di Stefano Antonio, Dispenza in difesa; Giurintano esterno destro, Bonaccorso esterno sinistro, Miranda davanti alla difesa, Vittorietti e Di Stefano Gabriele interni; Norrito e Asaro in attacco. In panchina partono: Raineri, Sancarlo e Abedi.

Debuttano i fratelli Di Stefano e Abedi.

 

 

 

La Nazionale B scende in campo con il 4-3-3 con: Giubilato in porta, Maringhini terzino Destro, Alessi e Pellegrino centrali, Argentino terzino sinistro; Lo Monaco regista, Raciti e Gentile interni; Parisi e Troia ali, Schiavo punta centrale. In panchina partono: Urbano e Gambino.

Debuttano: Giubilato, Raciti, Parisi e Schiavo.

 

CT unico: Pietro Tarantino.

Arbitra il Sig. Vicari.

Diretta Facebook e Telecronaca: Manuel Busetta.

Foto: Ivan D'Amico.

 

MARCATORI.  Naz. A:  Asaro (3), Sancarlo (2), Abedi, Norrito.  Naz. B:  Gentile, Troia, Schiavo. 

 

 

PRIMO TEMPO

 

 

Si parte con la Nazionale A che prende subito le redini del gioco e avanza il proprio baricentro, imponendo la proprietà superiorità soprattutto a centrocampo, con la Nazionale B che non riesce a ripartire, schiacciata nella propria metà campo dal pressing avversario. Ogni tanto però c'è qualche sporadica intuizione (palla morbida a scavalcare il pressing dei 5 centrocampisti azzurri o qualche pallone dalle fasce, soprattutto a destra) su cui però gli attaccanti in maglia bianca vengono chiusi o beccati in fuorigioco, grazie alla difesa alta e al fuorigioco ben chiamato da Gennaro. 

 

   

 

Complessivamente poca precisione nelle giocate di difensori e centrocampisti della Nazionale B, poche volte sono stati innescate le velocissime ali Parisi e Troia. Nella Nazionale A invece il primo tempo è andato a gonfie vele, con il solito Miranda che detta i tempi della manovra dalla sua posizione di regista, con Vittorietti e Di Stefano Gab. bravi a offrire corsa e interdizione: è proprio dai piedi del neo-azzurro Di Stefano Gab. che parte la palla a scavalcare la linea arretrata bianca, mettendo a tu per tu Asaro con Giubilato, battuto con un delizioso tocco sul secondo palo, per l'1-0 degli azzurri.  

 

 

La Nazionale B prova a mettere più qualità a centrocampo con Gambino, da cui nasce qualche iniziativa, ma i bianchi non riescono ad andare al tiro in porta, nemmeno dalla distanza. Mentre nella Nazionale A entra Abedi che si integra bene in attacco, tanto da realizzare il gol del 2-0 alla fine del primo tempo in azione di contropiede, con una bella discesa personale dalla sinistra, si accentra e calcia all'angolino battendo il portiere avversario.

Ad un certo punto si ferma Gennaro: Tarantino scala Miranda centrale in difesa e Vittorietti davanti alla difesa e la solidità difensiva non viene scalfita. 

Termina 2-0 il primo tempo per la Nazionale A, con un pò di rimpianti per la Nazionale B per i troppi fuorigiochi in cui sono incappati i propri attaccanti, vanificando così potenziali occasioni da gol.

 

 

SECONDO TEMPO

 

 

Nella ripresa nella Nazionale A si sperimenta il 4-3-3 (avendo a disposizione 4 punte) con difesa schierata con Miranda e Di Stefano Ant. centrali, Dispenza spostato a terzino sinistro e Giurintano abbassato a terzino destro; in attacco è tridente con Abedi e Asaro ali e Sancarlo punta centrale. Ma la ripresa si apre subito con la reazione d'orgoglio della Nazionale B che riesce ad essere più concreta ed incisiva in attacco: arriva così il gol di Troia, una "magia" alla Del Piero, con il sinistro, partendo da destra dopo essere stato imbeccato da Alessi dalle retrovie, mette la palla all'incrocio per l'1-2 con cui vengono accorciate subito le distanze.

Ci crede dunque anche Tarantino che rinforza il centrocampo passando al 3-5-2, portando Raciti a fianco di Parisi come coppia d'attacco, Maringhini esterno destro, Argentino esterno sinistro, difesa a 3 con Urbano a "rinforzare" fisicamente il reparto completato da Alessi e Pellegrino.

Arriva così il pareggio di Gentile che supera con uno "scavetto" il portiere avversario, ben imbeccato da una palla a scavalcare, morbida, di Lo Monaco, per il 2-2 e la parità quindi ristabilita. Poi arriva un altro pericolo, con Parisi che entra in area da sinistra ma viene murato in angolo.

Poi però la Nazionale A passa con il 4-3-1-2, poichè rientra in campo Norrito ed esce Abedi: in questo modo Asaro fa il trequartista con Norrito e Sancarlo di punta. Torna in vantaggio proprio con Asaro la Nazionale A che raccoglie al limite dell'area una corta respinta della difesa bianca e piazza la palla all'angolino per il 3-2. Con un centrocampo a rombo e con l'ingresso anche di Bonaccorso come terzino sinistro, Tarantino ha due terzini fluidificanti, alti, con doti offensive, che rendono in fase offensiva il centrocampo a 6. Gennaro intanto era rientrato in difesa, mentre Miranda torna a centrocampo.

Grande occasione proprio per Miranda che, ben imbeccato da Vittorietti, dapprima impegna seriamente Giubilato dal limite dell'area e poi sulla respinta non trova clamorosamente la porta, spedendo alto sopra la traversa. Altra iniziativa di Miranda, stavolta che entra in area da sinistra, mette in mezzo rasoterra per l'inserimento e il tapin di Sancarlo che porta gli azzurri sul 4-2.

E' calata la stanchezza tra i centrocampisti bianchi ed è saltato il filtro, oltre a un pò di lucidità: infatti perde palla Lo Monaco in fase di impostazione e sulla ripartenza (con centrocampo sbilanciato) Sancarlo dal limite destro dell'area di rigore, trova con il sinistro l'angolino lontano per il 5-2 degli azzurri.

 

Sembra finita la gara, ma Barletta deve compiere un autentico miracolo su Gambino (dalle immagini sembra così!) che a tu per tu sugli sviluppi di un controcross in area non riesce a ribadire in rete per due volte. Ma è solo il preludio al gol del 3-5 che arriva comunque grazie a Gentile che insiste su una palla che sembrava persa (complice anche un'uscita laterale a vuoto di Barletta) e mette in mezzo per Schiavo che a porta libera mette dentro.

Arriva però subito dopo il gol che chiude la partita del 6-3 con Norrito bravo a stoppare un lungo lancio di Gennaro (su cui sale la difesa, ma non Alessi, che lo tiene in gioco) e a concludere con successo a rete per il 6-3 finale. C'è tempo anche per il 7-3 di Asaro ben imbeccato da un filtrante, con cui viene bucata la difesa (statica e stanca anche stavolta) e batte Giubilato in uscita, chiudendo la sua personale tripletta.

 

Arriva il fischio finale: 7-3 il punteggio per la Nazionale A che ha dimostrato solidità con il 3-5-2 e dinamismo con il 4-3-1-2 o il 4-3-3, mandando a segno tutti gli attaccanti; per la Nazionale B buona la prova per metà ripresa, rammarico per il primo tempo per i troppi fuorigiochi in cui si è incappati, poi dopo il 3-5 la stanchezza si è fatta sentire e si è smesso di correre tra difesa e centrocampo, facendo così "allargare" il punteggio al 7-3 finale.

Le parole di Tarantino nell'intervista finale sintetizzano la prestazione delle due squadre. 

  

 

 

LE PAROLE DI PIETRO TARANTINO

 

 

 

GRAZIE E COMPLIMENTI A TUTTI!

 

%MCEPASTEBIN%

Letto 285 volte

Lascia un commento

<>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
United Kingdom Bookmaker CBETTING claim Coral Bonus from link.